Applicazione TENS per il gomito del tennista

Mann hebt seine kleine Tochter hoch. So etwas fällt mit einem Tennisarm schwer aufgrund von heftigen Schmerzen bei Strecken der Arme. Die Schmerzen kann ein TENS Gerät lindern.

Il gomito del tennista, o gomito del tennista, è quando l'esterno del gomito è infiammato. Il gonfiore si verifica agli attacchi dei tendini. Le persone colpite non possono più allungare completamente l'articolazione del gomito e c'è una sensazione di debolezza al polso. La forza nella mano diminuisce e sollevare oggetti o afferrarli provoca dolore. Il gomito del tennista o gomito del tennista è anche noto come epicondilite. Per proteggersi dal sovraccarico dei muscoli dell'avambraccio, è possibile utilizzare l'allenamento EMS per rafforzare i muscoli.



L'uso di un'unità TENS sul gomito del tennista può aiutare ad alleviare il dolore. Gli elettrodi adesivi trasmettono gli impulsi della corrente di stimolazione ai nervi. Ciò impedisce ai nervi di trasmettere lo stimolo del dolore al cervello. Un altro effetto della terapia di stimolazione elettrica è la stimolazione del corpo a rilasciare endorfine[1]. Questi sono ormoni endogeni che alleviano il dolore. Inoltre, la circolazione sanguigna può essere favorita da un trattamento TENS[2].

TENS Elektrodenplatzierung bei einem Tennisarm

Per il trattamento del gomito del tennista consigliamo gli elettrodi 5x5 cm. Gli elettrodi sono adatti anche per l'allenamento muscolare EMS. Fissare gli elettrodi come mostrato.

All'elettrodo destro
  • Questa guida è per scopi di orientamento e non sostituisce la supervisione di un medico o terapista. Si prega di seguire gli avvisi e le istruzioni di sicurezza del dispositivo. Le modifiche e gli errori sono possibili.

  • Numero all'interno del cerchio: Numero del canale

    Colore del cerchio: Rosso = Elettrodo 1, Nero = Elettrodo 2

Si prega di notare quando si utilizza TENS:

L'amperaggio deve essere regolato in modo tale da avvertire una piacevole sensazione di formicolio. La durata dell'applicazione dovrebbe essere di circa 40 minuti per poter ottenere una riduzione duratura del dolore. Ha anche senso cambiare programma di tanto in tanto.

Come si forma il gomito del tennista?

Il gomito del tennista è solitamente il risultato doloroso di uno sforzo unilaterale o eccessivo. La causa non deve necessariamente essere il tennis. Anche altri sport possono causare questo dolore, così come il lavoro manuale. Le cause più comuni includono • Tennis, canottaggio o allenamento con i pesi • Lavori manuali come tinteggiatura, falegnameria • Sollevamento di carichi pesanti • Suonare il pianoforte o un altro strumento • Lavorare al computer o alla cassa del supermercato Per molto tempo si è ipotizzato che il gomito del tennista causasse i sintomi dovuti all'infiammazione dei muscoli. Oggi è più probabile che il sovraccarico porti alle più piccole lesioni muscolari. Dov'è il dolore nel gomito del tennista? Se l'inserimento dei tendini muscolari nella zona esterna del gomito fa male, allora potresti avere il gomito del tennista. Tuttavia, il dolore può irradiarsi lungo tutto il braccio. Per alcuni malati, il dolore si verifica solo quando ci si muove o si tocca, ma si verifica anche con un semplice sforzo. Se il gomito del tennista è avanzato, anche sollevare una coppa può essere doloroso. È difficile afferrare correttamente e spesso il dolore si attenua solo nella posizione di riposo. Se invece il dolore è all'interno del gomito, potrebbe trattarsi anche di un cosiddetto gomito del golfista, che viene trattato in modo molto simile al gomito del tennista. Cosa aiuta con il gomito del tennista? L'obiettivo del trattamento è alleviare il dolore ripristinando la mobilità. Tuttavia, di solito è molto utile evitare proprio il movimento che causa il dolore. Ma ciò non significa che il braccio debba essere tenuto fermo. Alcuni esercizi di rafforzamento dell'avambraccio possono aiutare ad alleviare il disagio. Anche la terapia manuale da parte del fisioterapista è promettente. Il medico può prescrivere antidolorifici per fornire sollievo a breve termine. Anche la somministrazione di iniezioni di cortisone appare promettente. Tuttavia, ovviamente è sempre meglio tenere sotto controllo il problema senza effetti collaterali. Pertanto, il trattamento con un dispositivo TENS è una buona idea. Puoi curare facilmente il gomito del tennista a casa - se usato correttamente, senza effetti collaterali e senza visite regolari dal medico o dal fisioterapista. Con l'aiuto degli elettrodi appropriati, che sono incollati direttamente al braccio, il dispositivo TENS invia impulsi ai nervi, per cui il dolore viene soppresso. Il risultato è semplice e il metodo promettente. Quanto tempo ci vuole per guarire il gomito del tennista? Se soffri di gomito del tennista, hai bisogno soprattutto di una cosa: la pazienza. Si ritiene che la guarigione possa richiedere da diversi mesi a un anno. Ma c'è anche una buona notizia: il metodo conservativo è sufficiente per la maggior parte dei malati. Se hai a disposizione un dispositivo TENS e lo usi regolarmente, il problema può essere risolto dopo alcune settimane. E soprattutto, la terapia TENS ha un effetto importante: allevia il dolore senza farmaci o effetti collaterali.

Videoanleitung zur Applicazione TENS per il gomito del tennista

Guarda il video su Youtube
  • Da ogni parte

    Puoi utilizzare la terapia TENS ovunque. Non importa se sei comodamente seduto sul divano o in ufficio

  • Senza farmaci

    La terapia del dolore TENS è un'alternativa al trattamento del dolore farmacologico

  • In ogni momento

    Puoi utilizzare TENS in modo flessibile e in qualsiasi momento. Il successo può essere raggiunto già dopo il primo trattamento

  • Privo di effetti collaterali

    Se usato correttamente, il trattamento del dolore con TENS non ha praticamente effetti collaterali

Studi e fonti scientifiche

[1] Ortu, E., Pietropaoli, D., Mazzei, G., Cattaneo, R., Giannoni, M., & Monaco, A. (2015). TENS effects on salivary stress markers: A pilot study. International Journal of Immunopathology and Pharmacology, 114–118. https://doi.org/10.1177/0394632015572072

[2] Cramp, Gilsenan, Lowe & Walsh. (2000). The effect of high- and low-frequency transcutaneous electrical nerve stimulation upon cutaneous blood flow and skin temperature in healthy subjects. Clinical Physiology, 20(2), 150–157. https://doi.org/10.1046/j.1365-2281.2000.00240.x

© Yakobchuk Olena - stock.adobe.com